Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ho capito! Accetto!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

La Corte

Da: www.lanuovasardegna.it

23/09/2014 - SASSARI. Ancora pochi giorni e la frazione di La Corte, appena centocinquanta anime residenti sulla strada per l'Argentiera, resteranno senza un presidio sanitario fisso.

Il medico condotto Gabriele Pruneddu ha infatti deciso che a partire dal primo ottobre lascerà l'ambulatorio che affitta dal Comune per un canone di 500 euro a trimestre. Troppo, a suo avviso, consioderato che ne ha anche uno a Palmadula. «Sono ormai molto vicino alla pensione - racconta lui stesso - e sinceramente dopo 28 anni di attività mi sono stufato di spendere i miei soldi senza che la Asl e il Comune mi riconoscano almeno l'indennizzo per le zone disagiate con popolazione sparsa. I miei pazienti? Se ci saranno urgenze continuerò ad andare a domicilio, mentre chi vorrà rinnovare le ricette dovrà venire a Palmadula».

Del caso però si sta occupando il consigliere comunale dell'Idv Giampaolo Manunta, che giudica «vergognosa» la decisione del medico condotto. «È assurdo - spiega - che un professionista che guadagna seimila di euro al mese sollevi una questione simile, mentre dovrebbe preoccuparsi della tante persone anziane o disabili che vivono in una zona non servita da mezzi pubblici e che da ora in poi per farsi curare saranno costrette a grandi sacrifici. Ho già avvertito il sindaco».

Leggi l'articolo originale.

(Immagine: "Sassari - La Corte - Chiesa di San Cristoforo (01)" di Gianni Careddu - Opera propria. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons.)

Scroll to top