Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ho capito! Accetto!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

Parco Lu Cantaru

banner su cantaru 154x134

Il Parco Lu Cantaru si erge su un promontorio poco distante dalla strada che da Sassari...

Leggi tutto

El Sombrero 2

banner pizzeria el sombrero

Pizze da asporto, pizzette, panini, fainè, piatti composti, polli arrosto...

Leggi tutto

Panipal

banner panipal

Panificio da tre generazioni. Con noi puoi riscoprire il sapore antico del pane...

Leggi tutto

Agriturismo Finagliosu

banner finagliosu

L'Azienda Agrituristica Finagliosu è costituito da un vecchio "Quile"...

Leggi Tutto

SI.GA. Porto Palmas

banner porto palmas

Varo e alaggio di barche e gommoni, escursioni in mare, bar, ristoro...

Leggi tutto

Foto: La Nuova Sardegna schiumaUna tragedia ambientale ha colpito le nostre coste, negli anni '70 era il catrame della SIR ad arrivare sulle nostre spiagge, ora le navi che passano vicino alla costa lavano le loro stive con prodotti che poi vengono viglaccamente rilasciati in acqua con la conseguenza di causare un forte inquinamento. Quello che segue è l'articolo di cronaca tratto dal sito de La Nuova Sardegna.

(testo e foto: La Nuova Sardegna).

ARGENTIERA. A prima vista sembrava la schiuma del mare in burrasca che si infrange  sugli scogli. Però l'aria non era di tempesta, tutt'altro. Inoltre dalle rocce si levava uno strano odore di detersivo. Un prodotto chimico che probabilmente è stato usato, in quantità industriali e in totale violazione di tutte le leggi, da qualche irresponsabile per ripulire le cisterne di una grossa nave chimichiera. Fatta la «lavanda gastrica», e dopo essersi liberata di veleni e detersivi, la grossa imbarcazione ha ripreso il largo.

Nella notte tra sabato e domenica una valanga di schiuma si è riversata sulla costa dell'Argentiera. Una decina di chilometri di scogli e di spiagge, tra Porto Palmas e la zona della frana nel «mare di fuori», durante la notte sono stati ricoperti di una coltre bianca e spessa trasportata dalla corrente. La Sardegna si è svegliata con i devastanti effetti di un disastro ambientale di proporzioni ancora difficili da quantificare. È infatti necessario che le autorità competenti — Asl, Procura della Repubblica, carabinieri del Noe — facciano fare le analisi di laboratorio per stabilire la composizione della schiuma e di eventuali prodotti chimici.

L'inquinamento ha proporzioni gigantesche ma questa volta, contrariamente al solito, chi lo ha commesso rischia seriamente di essere smascherato. Ieri mattina i primi ad accorgersi di quanto era accaduto, con ogni probabilità durante la notte, sono stati due escursionisti. «Ho visto tutta quella schiuma e ho pensato a una tempesta — racconta Giulia —, ma è stato un attimo. Sono scesa a verificare di cosa si trattasse e appena capito ho chiamato i carabinieri».

Gli stessi escursionisti hanno fatto le fotografie che provano la devastazione ambientale. Prove che sarebbero già state consegnate alla Capitaneria di Porto e ai militari. I militari della stazione di Palmadula sono stati i primi ad essere informati di quanto stava accadendo nel territorio di loro competenza. Saranno quindi i carabinieri a far partire le indagini su un episodio chiarissimo negli effetti devastanti per l'ambiente, ma che sarà complicato poter attribuire a qualcuno. Complicato, ma non impossibile. Come troppo spesso accade, l'altra notte i violentatori dell'ambiente hanno avuto il tempo e il modo di scappare via vigliaccamente. E a quest'ora potrebbero essere molto lontano, in acque internazionali dopo avere superato la Corsica. La coltre di veleni potrebbe essere il «regalo» fatto alla Sardegna da una grossa chimichiera che costeggiava a sinistra dell'«isola gemella». La schiuma è stata portata a Porto Palmas dalla mestralata dei giorni scorsi. Il vento e la corrente hanno sospinto la schiuma prodotta dei detergenti utilizzati per lavare i serbatori di una grossa (a giudicare dalla quantità di prodotto) nave.

A parte quello del detergente, la schiuma arrivata all'Argentiera non ha odori particolari. Non di petrolio, comunque, e questo porterebbe a escludere che il materiale sia fuoriuscito dalle cisterne di una petroliera. Questa certezza non può confortare nessuno perché, come bene sanno gli esperti, qualsiasi prodotto chimico finito in mare è veleno per l'ambiente. Ora della vicenda si occuperà la Procura della Repubblica di Sassari, territorialmente competente per il disastro ambientale compiuto al largo dell'Argentiera. Anche se sarà difficile formalizzare le accuse, per la magistratura sassarese non dovrebbe essere poi così difficile stabilire quali navi sono transitate in quel tratto di mare negli ultimi giorni, e che cosa trasportassero. Il maestrale, insomma, dopo avere portato fino a Porto Palmas la prova dell'ultima aggressione all'ambiente potrebbe dare una mano agli inquirenti per scoprire i responsabili.

per vedere l'articolo in originale cliccare quì.

 

Agenda Eventi

Agosto 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Scroll to top