Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ho capito! Accetto!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

Stampa
View Comments

poste italianeDa: La Nuova Sardegna del 20 dicembre 2012 di Piero Garau

SASSARI. Duemilacinquecento abitanti delle borgate di Canaglia, La Piedraia, Biancareddu, Argentiera e La Corte sono sul piede di guerra per l'annunciata chiusura dell'ufficio postale di Palmadula....

SASSARI. Duemilacinquecento abitanti delle borgate di Canaglia, La Piedraia, Biancareddu, Argentiera e La Corte sono sul piede di guerra per l'annunciata chiusura dell'ufficio postale di Palmadula. In caso di attuazione del provedimento, gli utenti sarebbero costretti a recarsi all'ufficio postale di Campanedda o di Santa Maria la Palma. Gli utenti considerano la decisione inspiegabile, perché l'anno scorso l'ufficio postale di Palmadula è stato premiato come uno dei più attivi delle borgate. Il parroco di Palmadula don Alberto Moretti e i rappresentanti delle borgate hanno organizzato una raccolta firme per convincere la Direzione delle Poste a fare un passo indietro. Pare che la chiusura sia stata decisa perché le Poste non sono più disposte ha pagare il canone di affitto ritenuto troppo alto. I residenti delle borgate hanno interessato della questione il vice sindaco Gavino Zirattu, che ha promesso un suo intervento. Domani alle 18.30 nei locali della parrocchia di Palmadula si svolgerà un'assemblea popolare.