Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ho capito! Accetto!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

Parco Lu Cantaru

banner su cantaru 154x134

Il Parco Lu Cantaru si erge su un promontorio poco distante dalla strada che da Sassari...

Leggi tutto

El Sombrero 2

banner pizzeria el sombrero

Pizze da asporto, pizzette, panini, fainè, piatti composti, polli arrosto...

Leggi tutto

Panipal

banner panipal

Panificio da tre generazioni. Con noi puoi riscoprire il sapore antico del pane...

Leggi tutto

Agriturismo Finagliosu

banner finagliosu

L'Azienda Agrituristica Finagliosu è costituito da un vecchio "Quile"...

Leggi Tutto

SI.GA. Porto Palmas

banner porto palmas

Varo e alaggio di barche e gommoni, escursioni in mare, bar, ristoro...

Leggi tutto

da www.lanuovasardegna.it

Un preoccupante segnale in arrivo da Poste Italiane che deve preoccupare i cittadini delle piccole località come Palmadula. Il seguente articolo è stato pubblicato da La Nuova Sardegna.

03/02/2015 SASSARI. Preoccupano i piani di riordino dell'azienda: nel mirino sedici Comuni. In arrivo chiusure, accorpamenti e riduzioni di orario. Lavoratori in assemblea.

In molti casi l'unica cosa che resta da fare è abbassare la serranda e levare l'insegna. Perche non ha alcun senso parlare di razionalizzazione a proposito di uffici postali che contano un solo impiegato e aprono al pubblico (quando va bene) tre giorni a settimana. Tagliare ancora dove si è già tagliato quasi tutto è impossibile. «Perché un limone non si può spremere all'infinito, a un certo punto il succo finisce. E allora che fai? Lo butti via». Timoteo Baralla è il segretario regionale Slp-Cisl: da giorni il suo sindacato, per ora abbastanza in solitaria, porta avanti la battaglia contro il piano industriale di Poste Italiane, che prevede una riduzione del numero degli sportelli in tutta Italia e a cascata anche nell'isola. Complessivamente, chiuderanno circa 450 uffici nel territorio nazionale, per altri 600 si prevedono aperture ridotte e riduzioni d'orario.

Il piano. Le informazioni al momento non abbondano: i dettagli saranno svelati oggi, nell'incontro in programma a Cagliari tra azienda e sindacati. Si sa però che i Comuni interessati al piano di riduzione-razionalizzazione sono almeno 16, distribuiti tra le province di Sassari, Cagliari e Oristano. Nella maggior parte dei casi si tratta di centri molto piccoli dove il servizio postale, già vittima di tagli in passato, zoppica e genera scontento. L'ipotesi è alcuni uffici possano essere chiusi e accorpati ad altri in paesi vicini, con conseguente trasferimento del personale e «pesanti disagi per la popolazione, soprattutto le persone più anziane – dice Timoteo Baralla –, che hanno più difficoltà a spostarsi».

Foto: La Nuova Sardegna

Vedi l'articolo originale

Agenda Eventi

Ottobre 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Scroll to top