Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ho capito! Accetto!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

Caseificio di Santa Maria La Palma

Vota questo articolo
(3 Voti)

Foto dal Web

Titolo: Caseificio di Santa Maria La Palma
Autore: Poddighe Elio
A cura di: Giraldi Francesca, Trudu Antonio
Fondo: Ufficio Stampa ETFAS
Raccolta: Collezione Riforma Agraria
Curatore raccolta: ERSAT
Comune: Alghero
Località: Santa Maria La Palma
Argomento: Economia e società, Storia e tradizioni
Proprietario della risorsa: Agenzia Laore, Regione Autonoma della Sardegna
Diritti: © Agenzia Laore, © Regione Autonoma della Sardegna
Condizioni di utilizzo: Tutti i diritti riservati
Didascalia: Particolare della sala per la lavorazione dei formaggi del caseificio di Santa Maria La Palma.
Descrizione: Nel 1946, col secondo governo De Gasperi, mentre Antonio Segni era Ministro dell'Agricoltura, fu emanato un insieme di leggi finalizzate alla realizzazione di un progetto sintetizzabile sotto il nome di Riforma Agraria. In tale quadro d’intenti nacque, nel maggio del 1951, l'ETFAS, ossia l'Ente per la trasformazione fondiaria e agraria in Sardegna. Il progetto prese forma, innanzitutto, con l'esproprio delle terre incolte, la messa in atto di vasti piani di colonizzazione, di trasformazione, unitamente alla creazione d’importanti infrastrutture. Vennero bonificate le zone paludose e realizzate dighe, canali, acquedotti e strade. Ai contadini vennero assegnati i poderi derivanti dagli espropri. Ogni assegnatario aveva l'obbligo di coltivare il proprio fondo, producendo quantità di raccolto tali da garantire per almeno il sostentamento del relativo nucleo familiare. L'ETFAS rappresentò la struttura cui vennero assegnati tutti i compiti di espropriazione, bonifica, trasformazione e assegnazione dei terreni ai contadini, al fine di risvegliare e rivitalizzare l'agricoltura sarda segnata da millenni di abbandono. L'ETFAS venne progressivamente modificato fino a diventare nel 1984 Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura (ERSAT), la cui attività si è chiusa il 31 luglio 2007 e parte del personale è confluito nell'agenzia Laore Sardegna.

ID: 174670
Link risorsa: http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=626&id=174670

 

Letto 31288 volte
Altro in questa categoria: « Lago di Baratz, panoramica Porto Palmas »
Scroll to top